Chi Siamo Per i bambini Per i genitori Formazione Dove Siamo Blog Contatti L'Associazione

 

sportello genitori

SOS Genitori - Lo sportello d'ascolto per chi vive in famiglia

Lo sportello di ascolto è attivo presso la sede dell’Associazione “Bambiniincorso”, in via Lorenzo il Magnifico 42, tutti i mercoledì dalle 11.00 alle 17.00. E’ rivolto a tutti i genitori. L’accesso allo sportello è gratuito e avviene tramite prenotazione telefonica (Tel. 327.1824274) o tramite mail a info@bambiniincorso.it

La consulenza può articolarsi in uno o più incontri.

  • SOS Genitori
  • Punto informativo Disturbi d'Apprendimento
  • SOS Adolescenza

Si riparte...

Sarà vero che chi nasce quadro non potrà mai diventar tondo? E che chi di spada ferisce di spada perisce?
Avremo ancora voglia di Orgoglio e Pregiudizio nell’essere genitori tutti d’un pezzo, figli tutti d’un pezzo, compagni, mariti, mogli, fratelli, consanguinei, adottivi, single, figliastri, alienati dal padre, dalla madre, dalla società tutta, con contorno di crisi economica?
I bambini e i ragazzi che crescono e che cominciano a fare a pugni con la vita, a chiudersi, a guardarla in cagnesco, a non volerla capire e a non volercisi adattare ci porgono il guanto della sfida … e può essere per noi un’occasione.
Lo sportello dedicato alle famiglie è attivo da appena un anno e ci ha portato a condividere relazioni di genitori e figli, emozioni di figli spesso dolorose o faticose, preoccupazione e qualche volta confusione dei genitori che spesso ci hanno trasmesso voglia di essere aiutati nel capire e nel cambiare.
Grati, ci sentiamo di raccogliere il bisogno percepito e di ripartire nell’ascolto, rispondendo per questo nuovo anno con uno sportello dedicato a tutti i componenti delle famiglie.

sportello genitori

 

Negli ultimi 10 o 15 anni i disturbi dell’apprendimento sono diventati in qualche modo “tristemente noti” per genitori ed insegnanti , sono apparentemente  aumentati ma sicuramente hanno determinato una maggiore attenzione ad un fenomeno prima estremamente sottovalutato e poco conosciuto.

Questi cambiamenti hanno portato anche ad un aumento di segnalazioni da parte della scuola, soprattutto nei primi anni di scuola primaria per dare la possibilità di effettuare una diagnosi (al termine della seconda classe della scuola primaria) ed un intervento precoce, anche nel primo anno, qualora gli indicatori segnalino la possibilità di un futuro disturbo dell’apprendimento. 
La scuola giustamente, in base a gli indicatori di rischio, segnala alle famiglie tutte le difficoltà dei bambini e li indirizza verso una valutazione approfondita e condotta da esperti; non sempre però è semplice rivolgersi agli esperti o al SSN per la valutazione e spesso i genitori hanno bisogno di un confronto esperto sulla necessità della valutazione, su come affrontarla e anche sulle conseguenze dell’esito e sullle opzioni dell’iter riabilitativo.
Il Punto di Informazione sui Disturbi dell’Apprendimento vuole offrire la possibilità alle famiglie di confrontarsi con un esperto, prima di affrontare l’iter diagnostico, per chiedere informazioni, confrontarsi sulla necessità della valutazione, per condividere i propri dubbi e avere un quadro chiaro anche della cornice normativa sui DSA e i BES, per essere  conoscenza di cosa è giusto attendersi dalla scuola e dall’eventuale riabilitazione.
Il Punto di Informazione sui Disturbi dell’Apprendimento sarà attivo da Ottobre 2013 presso la sede dell’Associazione “Bambiniincorso”, in via Lorenzo il Magnifico 42, tutti i martedì dalle 09.00 alle 16.00.
E’ rivolto a tutti i genitori e anche agli insegnanti.
L’accesso allo sportello è gratuito e avviene tramite prenotazione telefonica (Tel. 327.1824274) o tramite mail a info@bambiniincorso.it

La consulenza può articolarsi in uno o più incontri (massimo 3).

L’adolescenza, senza se e senza ma, rappresenta una delle sfide più importanti per i genitori impegnati nell’accompagnare il percorso di crescita dei figli.
Un momento caratterizzato da cambiamenti repentini, accelerazioni improvvise e bruschi rallentamenti, contraccolpi emotivi non indifferenti, una fase in cui gli strumenti che faticosamente si sono costruiti negli anni precedenti, non sembrano più essere utili, anzi a volte possono diventare dannosi o controproducenti.
Le risposte dei ragazzi e delle ragazze possono essere innumerevoli, imprevedibili, mutevoli e ambigue, all’adulto l’arduo compito di rimanere sintonizzato su sé stesso e sulla relazione genitore-figlio per essere d’aiuto in questa fase e non d’ostacolo.
I genitori, troppo spesso, si sentono impotenti di fronte a questa mole di cambiamenti, sentono di non avere strumenti, si percepiscono incapaci, oppure credono di utilizzare vecchie strategie e antiche convinzioni, non rendendosi conto dei cambiamenti che avvengono.

Lo spazio “SOS Adolescenza” nasce  dall’idea di mettere a servizio dei genitori un gruppo di professionisti che sappiano indirizzare i dubbi, le difficoltà, le insicurezze e le rigidità degli adulti verso un percorso di cambiamento, in sintonia con quanto sta emergendo dai vissuti dei loro figli e che loro stessi sperimentano.

“SOS Adolescenza” vuole essere uno spazio in cui i genitori possano iniziare a mettere in atto un procedimento creativo di cambiamento, in cui possano riscoprire la bellezza di costruire nuovi equilibri e nuove modalità di relazione, con lo sguardo puntato sui figli che si preparano a diventare grandi (e forse diversi da quello che ci si aspettava diventassero!).

“SOS Adolescenza” è uno sportello gratuito pensato per non dare risposte, ma per aiutare l’inizio di piccoli cambiamenti che rendano l’adolescenza dei figli “efficacemente turbolenta”.